10/03/2024 | IV. Domenica di Quaresima - Giornata di seminario
Ore 10:00 Duomo di Bressanone
T. Dubois: Messa Breve in Fa maggiore

L’organo in presbiterio – Trasmissione elettrica

I primi organi documentati nel duomo di Bressanone non si travavano nella cantoria ad occidente, ma nelle vicinanze del presbiterio. Nel 1531 si affidò l’incarico ad un certo Kaspar, un organaro poco conosciuto, di realizzare nel duomo di allora due organi, uno di grandi ed uno di piccole dimensioni. Negli anni 1620-22 Andrä Putz di Passavia li riparò ed ampliò. Nel 1690-91 Eugenio Casparini costruì, secondo il gusto dell’epoca, un organo barocco.
Quando nel 1745 si demolì il vecchio duomo c’erano ancora due organi: l’uno davanti a destra e l’altro ad ovest del presbiterio. Nel 1758 Franz Simnacher di Angelberg e suo cognato Alexander Holzhey costruirono il grande organo sulla occidentale e da allora l’animazione musicale delle liturgie si spostò dall’ambito dell’altare a quello appunto della cantoria.

Fino al 1931 non esiste alcun riferimento ad un organo in presbiterio. Appena con la costruzione di un nuovo organo principale a trasmissione elettro-pneumatica da parte della ditta Dreher&Flamm il presbiterio fu dotato di un piccolo organo con le canne sistemate nell’oratorio di sinistra; lo si poteva suonare anche dall’organo principale.

Nel 1980, con la costruzione dell’organo nuovo da parte della ditta Johann Pirchner di Steinach am Brenner (A) il collegamento dei due organi non fu più ripristinato. Quando si constatarono la crescente precarietà nonché i guasti dell’organo secondario, ora staccato da quello principale, il Capitolo del duomo decise di far costruire in presbiterio un nuovo organo affidandone la realizzazione nuovamente all’organaro Johann Pirchner.

Di organi secondari in presbiterio se ne trovano soprattutto in cattedrali e in grandi chiese di ordini religiosi. Sono più vicini all’azione liturgica e servono a sostenere il canto delle ore, soprattutto delle lodi e dei vespri. Vengono utilizzati durante le messe per piccoli gruppi di fedeli come pure in solennità particolari quando i cori cantano in presbiterio o nella navata. Con questo nuovo organo il duomo brissinese ha acquisito una voce nuova in grado di glorificare Dio ed esaltare il suo nome.

Nella ricorrenza del 250° anniversario della morte del principe-vescovo Künigl, sotto il quale iniziò la costruzione del duomo barocco, l’organo nuovo fu dedicato a questo significativo pastore sul trono di S. Cassiano e chiamato: “Organo principe-vescovo Kaspar Ignaz conte Künigl”. L’inaugurazione avvenne il 23 novembre 1997.

Disposizione fonica:

Hauptwerk Schwellwerk
Gedeckt 16` Copl 8`
Prinzipal 8` Salizional 8`
Rohrflöte 8` Prinzipal 4`
Viola 8` Rohrflöte 4`
Oktave 4` Waldflöte 2`
Hohlflöte 4` Rauschquinte 2-fach 1 1/3`
Quinte 2 2/3` Oboe 8`
Oktave 2` Tremulant
Mixtur 6-fach
Pedal Unioni
Subbass 16` II. / I. Man.
Oktavbass 8` I. Man. / Ped.
Choralbass 4` II. Man. / Ped.
Fagott 16` Piano-Pedal
Zungen ab - P mf f tutti

Costruttore: Johann Pirchner, Steinach am Brenner (Austria)